fbpx

L’estate è vicina…

 

In questo articolo parlerò di come ottimizzare il poco tempo rimasto alla prova costume e di come non sprecarlo con allenamenti “a caso”, abbinati per di più a regimi alimentari drastici altrettanto improvvisati.

 

Ecco i miei 5 punti cardine per avere successo nel minor tempo possibile:

1- OBIETTIVO:
Senza un obiettivo chiaro e realistico, non puoi iniziare nessun percorso! Sarebbe come voler usare il navigatore in macchina senza impostare la destinazione. Per questo è fondamentale un consulto con il tuo trainer. Voler dimagrire non è di per sé un obiettivo, mentre voler dimagrire 5Kg sì!

2- TEMPI:
Fissare una scadenza fa sì che sia possibile programmare le diverse fasi del lavoro in modo preciso e organizzato. Un valido stimolo per il raggiungimento dell’obiettivo è far coincidere la scadenza con una data per te importante (un evento, una cerimonia, una vacanza…).

3- PROGRAMMAZIONE:
Una volta chiariti gli obiettivi e i tempi, sarà compito del trainer impostare la strategia da seguire. La programmazione non è semplicemente un susseguirsi di metodologie prese a caso, ma sarà organizzata in diversi mesocicli, ognuno con un sotto-obiettivo preciso. I parametri su cui si basa l’allenamento sono: intensità, volume, densità; fondamentale è la progressione di uno o più di questi parametri nel corso delle settimane di allenamento. Per esempio, se all’inizio riesco a sollevare 40kg per 8 volte sulla panca piana già dopo 2 settimane, dovrò vedere un incremento o del carico (intensità) o delle ripetizioni possibili (volume).
ATTENZIONE AL RUOLO DEL RECUPERO ALL’INTERNO DELLA PROGRAMMAZIONE TRA UN MESOCICLO E L’ALTRO E ALL’INTERNO DEL MICROCICLO STESSO: programmare gli opportuni giorni/settimane di scarico fa la differenza nel tuo rendimento a lungo termine!

4- ALIMENTAZIONE:
Pianificare con il nutrizionista una precisa tabella alimentare in base al soggetto e al programma motorio è altrettanto fondamentale! Non tirare fuori dal cassetto vecchie diete prescritte anni fa o, peggio, non copiare la dieta del tuo amico/a del cuore: se è stata fatta a pennello per lui/lei non può andare bene per te! Spesso il nutrizionista non viene informato a dovere sull’allenamento che si sta svolgendo o, viceversa, il trainer non viene informato su un eventuale piano alimentare preesistente. Questo impedisce rispettivamente al nutrizionista o al trainer di calibrare al meglio l’alimentazione o l’allenamento.

5- MONITORAGGIO:
Il trainer si avvarrà di opportuni test utili per quantificare i reali miglioramenti dopo ogni mesociclo, funzionali sia al trainer per controllare che si stiano rispettando i tempi in base agli obiettivi prefissati, sia a te per darti feedback positivi, quindi di rinforzo, che ti motiveranno a continuare il percorso con ancora più determinazione.
Come avrai intuito, la riuscita o meno di un percorso di allenamento passa per tanti piccoli step collegati tra loro e, proprio per questo, un’attenta programmazione a monte del progetto ti aiuterà ad ordinarli e a scegliere la strategia più efficace insieme al tuo trainer.
QUINDI, NON LASCIARE NIENTE AL CASO E AFFIDATI A DEI PROFESSIONISTI!

DOTT. Paolo Di Chiara

 

Your browser is out of date. It has security vulnerabilities and may not display all features on this site and other sites.

Please update your browser using one of modern browsers (Google Chrome, Opera, Firefox, IE 10).

X